Intelligenza emotiva

intelligenza emotiva

Area tematica:

introspezione

Perché le persone più intelligenti nel senso tradizionale del termine non sono sempre quelle con cui lavoriamo volentieri o con cui facciamo amicizia? Perché il rendimento scolastico di bambini con una intelligenza brillante crolla in maniera drammatica in occasione di difficoltà familiari? Perché persone assunte sulla base di classici test d’intelligenza si possono rivelare inadeguate alle esigenze che impone loro il lavoro? Perché un matrimonio può andare a rotoli anche se il quoziente intellettivo dei coniugi è altissimo? E non ci vuole intelligenza per stabilire una serena vita familiare? Certo, sostiene david Goleman, l’autore di questo libro: solo che l’intelligenza che governa settori così decisivi dell’esistenza umana non è l’intelligenza stratta dei soliti test, ma è una complessa miscela in cui giocano un ruolo predominante fattori come l’autocontrollo, la pervicacia, l’empatia e l’attenzione agli altri. In breve è l'”intelligenza emotiva”: quella particolare forma di intelligenza che ha consentito ai nostri lontani progenitori di sopravvivere in un ambiente ostile e di elaborare le strategie che sono alla base dell’evoluzione umana, e che può aiutare tutti noi ad affrontare un mondo sempre più complesso, violento, difficile da decifrare…

Su cosa ci fa riflettere?

L’intelligenza astratta dei test esiste. Ma esiste un’intelligenza dei sentimenti altrettanto importante che non va sottovalutata.