Respiro Circolare: l’adattamento allo stress

corso di respiro circolare

Capitolo 3: Stress e reattività

L’essere umano è incredibilmente resiliente, anche in situazioni molto dure riesce a cavarsela grazie alla sua determinazione, alla creatività, alle convinzioni religiose, alle amicizie e all’amore, in poche parole grazie alle sue relazioni.

Oltre al nostro coinvolgimento cosciente di natura relazionale è presente un’intelligenza biologica di natura inconscia altrettanto efficace composta da percezioni, risposte motorie e meccanismi allostatici. Esiste quindi una sorta di pilota automatico inconscio che all’occasione prende il controllo di tutto il sistema cercando di rispondere nella maniera che secondo lui è la più funzionale al fine del mantenimento del nostro equilibrio e della nostra salute.

Nonostante la stabilità del nostro equilibrio psicofisiologico, può capitare che esso venga spinto oltre i propri limiti non riuscendo più a mantenere l’ordine necessario al nostro benessere. La nostra salute può venire minata da abitudini di vita dannose sommate alle pressioni della vita che continuamente troviamo sul nostro cammino.

In sintesi, le nostre reazioni automatiche agli eventi stressanti che troviamo sul nostro cammino possono essere esse stesse responsabili dello stress che viviamo, possono infatti complicare ancor di più dei problemi che magari in origine erano più semplici da risolvere. Queste reazioni infatti spesso ci impediscono di vedere le cose con chiarezza, di esprimere efficacemente le nostre emozioni, di comprendere cosa ci sta accadendo e quindi di sentirci in pace. Una vita alla mercé delle reazioni automatiche aumenta moltissimo il rischio di andare incontro ad esaurimenti nervosi e a malattie gravi.

Esistono cause di stress croniche (stressori cronici) come ad esempio l’assistenza ad un malato, e cause di stress acute (stressori acuti) come ad esempio una scadenza da rispettare, la fretta per arrivare al lavoro, il traffico, i litigi ecc. Questo insieme di eventi può causare in noi una condizione di stress acuta e richiedere un’efficace capacità di adattamento per mantenere il nostro equilibrio. Se la nostra capacità di adattamento allo stress non risulta efficace, rischiamo di cadere in schemi di comportamento distruttivi che alla lunga diventano ulteriori fonti di stress.

La sovraeccitazione caratteristica della reazione di stress può addirittura diventare un modo di vita. Le persone che vivono in questa maniera sono affette da tensioni muscolari croniche (ognuno di solito ha un organo bersaglio prediletto), ritmo cardiaco permanentemente accelerato con aritmie, palpitazioni e mani continuamente sudate. Molto diffusi sono gli attacchi d’ansia e gli attacchi di panico, l’insonnia, le disfunzioni sessuali ecc.

Tutti questi sintomi si producono perché il nostro corpo reagisce in maniera automatica a tutto quello che percepisce come una minaccia, anche quando la minaccia in realtà non esiste.

Divenire consapevoli di questi meccanismi tramite tecniche come il respiro circolare e la meditazione, ci consente di modificare queste abitudini automatiche trovandone altre più funzionali a noi.

 

Capitolo 4 “Tempo, contesto e mente” (online dal 2 ottobre) >>

Salva

Salva